Parrocchia San Nicola di Bari Lattarico


Avviso


Autodichiazione


Avviso

Da lunedì 18 maggio 2020 ore 17:00 inizio celebrazioni con il popolo

  • Questa chiesa può accogliere soltanto 50 persone,munite di mascherina e guanti
  • Ingresso vietato a chi ha sintomi influenzali/respiratori.
  • Temperatura corporea pari o superiore a 37,5°C o è stato in contatto con persone positive al COVID-19.

Siate prudenti e attenti!

Confido nella vostra collaborazione. Grazie

Don Gerlando


Conferenza Episcopale Italiana 07/05/2020


Avviso 03/05/2020


Domenica di Pasqua


Domenica delle Palme

Nel calendario liturgico cattolico, con la Domenica delle palme ha inizio la settimana santa ma non termina la quaresima, che finirà solo con la celebrazione dell’ora nona del giovedì santo, giorno in cui, con la celebrazione vespertina si darà inizio al sacro triduo pasquale.

Nella forma straordinaria del rito romano, la Domenica delle palme non fa parte della Quaresima, finita prima della prima domenica di passione. In ricordo dell’ingresso di Gesù in Gerusalemme, la liturgia della Domenica delle palme si svolge iniziando da un luogo al di fuori della chiesa dove si radunano i fedeli e il sacerdote benedice i rami di ulivo o di palma che sono portati dai fedeli, quindi si dà inizio alla processione fin dentro la chiesa. Qui giunti continua la celebrazione della messa con la lunga lettura del Passio, ossia del racconto della Passione di Gesù. Nella forma ordinaria del rito romano è tratta dai Vangeli di MarcoLuca o Matteo, a seconda dell’anno liturgico. Nella forma straordinaria del rito romano si legge sempre la Passione secondo Matteo. di tutte le altre di quaresima (tranne la quarta in cui può indossare paramentirosa) è vestito di rosso.

(Per entrambe le forme del rito romano il testo della Passione che si legge il Venerdì santo, invece, è tratto dal Vangelo di san Giovanni.) Il racconto della Passione viene letto da tre persone che rivestono la parte di Cristo (letta dal sacerdote), del cronista e del popolo (compresi alcuni personaggi).


Festa delle Verginelle 03/04/2020

La chiesa di S.Nicola a Lattarico (1547-XVI Sec) custodisce nella cappella della Deposizione, situata a destra per chi entra in chiesa, la statua del Cristo morto e della Madonna Addolorata; venerata dai lattarichesi con il nome della “Madonna delle Verginelle”.La Baronessa Elisa Marsico(1773) istituì a Lattarico la festa delle Verginelle,che si svolge il venerdì di ogni anno che precede la domenica delle Palme. Questa festa è caratterizzata da una suggestiva processione di fanciulli che sfilano davanti l’effige sacra, portando sul capo,una corona di acacia o di asparago. Tutta la popolazione,poi, accompagna il simulacro cantando il tradizionale “Pianto” -la preghiera dei lamenti di Maria sulla passione del figlio(Gesu’)-.Durante la caratteristica processione, le campane, riecheggiano mesti rintocchi. La Baronessa Elisa Marsico,inoltre, per l’occasione provvedeva ai vestiti nuovi delle ragazze povere; per partecipare alle Verginelle. Rimane ancora,oggi,a Lattarico, la consuetudine che i bambini del paese vestino abiti nuovi,per questa circostanza. (Da “I monumenti storico-artistici nel territorio di Lattarico” di Trotta Franco Cosenza, 2009).